Claudio Detto

Nato a Milano nel 1950, pittore autodidatta, sin da giovanissimo amava disegnare. Le prime opere ad olio li ha eseguite negli anni 1974-75 omaggiando i maestri del 900 come Morandi, Modigliani e De Chirico. Dopo quel periodo ha messo da parte i pennelli ed ha interrotto gli studi universitari per dedicarsi totalmente al lavoro. Dirigente d’azienda non ancora trentenne, ha lavorato per molti anni nel settore finanziario e commerciale. Nel 1997 ha fondato una sua società operante nella vendita e nel noleggio di macchinari industriali. L’amore per l’arte e per la pittura in particolare, non lo ha mai abbandonato e negli anni ‘90 ha iniziato una piccola collezione di autori italiani del ‘900. Venduta la società da lui fondata si è riappropriato del suo tempo dedicandosi a quella vecchia passione e scoprendo nella pittura astratta e informale un mezzo per esprimere le sue visioni ed i suoi stati d’animo. La sua pittura è istintiva, raramente progettuale e l’innato senso del colore messo sulla tela con un tratto voluto o casuale esprime il suo desiderio di suscitare emozione in chi guarda le sue opere. Nella sua ricerca ha affrontato altri stili pittorici come il cubismo e il neoplasticismo con rare incursioni nella pittura espressionista ed impressionista. Ha partecipato a diverse mostre ed a numerosi premi nazionali ed internazionali ottenendo lusinghieri riscontri dal pubblico e dalla critica.