Antonio Pirovano

Nato a vimercate il 17 gennaio 1965 residente arcore.
Sfumando teschi, tessuti muscolari, immerso nella straordinaria complessità biologica del corpo umano e ancora più al fondo fino all’essenza stessa della materia, le cellule la composizione e la decomposizione delle stesse.
E’ cosi che, alla scuola di odontotecnica, nasce la passione di antonio pirovano per tutto ciò che è di pertinenza scientifica e che,  proseguendo nel cammino, si evolve giungendo a concretizzarsi nella sua personale espressione artistica.
Pirovano è appasionato di biologia, fisica, chimica, anatomia struttura molecolare, studia da autodidatta medicina, odontoiatria ed astronomia vedi nebulose, pianeti, i materiali che predilige, in fase iniziale, sono biossido di aluminio, sabbie varie e materiali di tutti generi. poi passa agli acrilici anche mischiati con l’olio (sopratutto per i cieli).

Le opere in bianco e nero scala grigi tendono ad una rilassatezza che deve essere, per postulato intinseco, avulsa dal colore.
L’utilizzo del colore e della materia è alla disperata ricerca di un equilibrio tra le espressioni artistiche dei protagonisti del passato e la personale interpretazione di pirovano delle stesse. ..bene si evince in questo monocromo “l’atlante” bianco  l’amore di pirovano per la composizione della materia, oltre la molecola fino all’essenza della stessa , alla sua struttura  infinitesimale. un altro mondo fatto di elementi diversi per ogni diverso materiale utilizzato che contribuisce quindi alla varietà delle diverse razze umane all’interno del pianeta.